Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Video YouTube’ Category

A volte quando si sentono delle battute (o frecciate) e, per capirle, bisogna davvero essere al passo con i tempi o ancor più difficile: esser al passo con i tempi passati.

Ho visto l’intervento, di 52 minuti, di Benigni a Sanremo dal nostro “più o meno” fidato Youtube:

Al minuto 2:53 fa una battuta che non credo abbiano capito proprio tutti. La frase che dice, più che una frecciata è un vero e proprio dardo se si riesce a collocarla nel giusto contesto.

Infatti la frase: “[…] ero in albergo – c’è una cavallo per lei – mi ricordava qualcosa questa, bene bene bene, poi scendo ed era un cavallo veramente! […]” la si può facilmente collegare ad un’intervista che fu rilasciata da Borsellino ad un paio di giornalisti.

In questa “famosa” (virgolette d’obbligo visto che non son sicuro quanto sia veramente famosa) intervista si parla dello “stalliere” Mangano che tratta la compravendita di “cavalli” e “magliette”, da leggersi come eroina.

Quest’intervista la potete vedere anche su youtube oppure la potete avere grazie a questo link megaupload.

L’immobilità delle persone nella sala quando è stata fatta questa battuta, mi fa pensare a due cose.

La prima cosa che mi è venuta in mente è che, come dicevo prima, non tutti magari avessero mai sentito quell’intervista o che magari non se la ricordassero in quel momento.

La seconda cosa che mi è saltata alla mente è che, alcuni di coloro che hanno capito il riferimento possono aver fatto anche un collegamento successivo, non so, qualcosa tipo: cavalli(eroina) → stalliere(Mangano) → padrone dello stalliere(Berlusconi).

Un ragionamento simile a quello sopra può causare tre reazioni:

  1. Risata amara;
  2. Amarezza per la tristezza della situazione;
  3. Fastidio per l’ennesimo attacco a “colui che crede di essere ciò che non è”.

Impossibile dire come abbiano reagito i presenti. Sapendo che c’erano i dirigenti Rai in sala, posso immaginare che nel caso in cui l’avessero capita, la loro reazione possa essere un misto delle tre sfociando in un pensiero tipo:”Cavolo speriamo che almeno queli vicini a lui o lui stesso non la capisca!”.

Se questo colpo, per quanto potente, è andato a vuoto una piccola rivinciata ce l’anno concessa Luca&Paolo al finale del festival 🙂 :

Read Full Post »

In attesa che mi torni la voglia di fare post un po’ più seri, eccovi un piccolo pensiero da parte mia 🙂

Splendida la canzone, ottima la sincronia, spero possa essere stato di vostro gradimento 😉

Read Full Post »

Dire o fare qualcosa di originale è davvero difficile, azzarderei anche un quasi impossibile.

In questi ultimi anni ho avuto modo di scontrarmi spesso con questo pensiero, ed ho visto come si facesse vero sempre di più.

Un po’ di tempo fa scrissi “Sindrome d’autore noto“. In quel post affermavo che per evitare di essere prevenuti nei confronti di qualche pensiero o citazione altrui, bisognava evitare di dire l’autore. Non molto tempo dopo sono stato informato che già qualche centinaio d’anni prima, in alcune facoltà, i professori facevano lezione dietro un paravento, appunto per evitare che gli studenti dessero più importanza ai professori con fama maggiore.

Questo esempio, assieme ad altri vissuti in questi ultimi anni, mi hanno mostrato come sia davvero difficile fare o dire qualcosa di originale.

Anche questo stesso scritto non ha nulla di originale. Infatti, non sono certo il primo a dire che non c’è nulla (o quasi) di originale, l’ho sentito dire (penso) per la prima volta in un video di Carmelo Bene [minuto 4:43]:

Un’altra dritta mi era stata accennata da P3go83, il quale mi riferì che lo stesso Aristotele(?) o non so chi fece un’affermazione del genere.

A seguito di queste n-esime conferme sull’originalità mi sono posto due domande:

  1. Come hanno fatto tutte queste persone a copiare le mie idee prima ancora che nascessi?
  2. Perchè ci sono così tanti riscontri uguali tra persone che non si sono neppure mai viste e che non si sono studiate nell’arco della propria vita?

Sebbene alla prima domanda mi sia molto difficile rispondere ( 😉 ), alla seconda ho provato a darmi qualche risposta.

Molto probabilmente è il fatto di trovarsi in culture molto simili la chiave per rispondere a questa domanda. Di fatto le domande che si pongono le diverse culture sono diverse. Per esempio: le persone di religione induista, saranno assai poche quelle che si faranno domande sul Cristianesimo, le più (di quelle che si pongono delle domande si intende) si porranno quesiti su Kali&Co.

Non sono solo le risposte ad essere uguali, ma soprattutto le domande.

Certo, ad una domanda si può rispondere in più modi, e sono certo che in base alla risposta data si potrà risalire a qualcun altro che avrà dato la stessa risposta. Non dico necessariamente che si troverà la risposta uguale in qualche filosofo dei tempi andati, ma anche nello stesso vicino di casa o dal cassiere del negozio (se volete tirare in ballo la legge dei grandi numeri potete farlo).

Ci poniamo le stesse domande da più di due-tremila anni. Per farne di nuove, probabilmente dovremmo viaggiare un po’ conoscere altre culture, ma si rischia solamente di farci altre domande alla quali altri di quella cultura hanno già dato delle risposte.

Porsi le stesse domande da millenni è una cosa che mi fa pensare. Forse è proprio perchè in tutto questo tempo non ci siamo affatto “evoluti”. Siamo rimasti sempre gli stessi, con le stesse caratteristiche: generosi ed avidi, altruisti ed egoisti, profondi e superficiali, ecc. ecc.

Per quanto ad ogni generazione ci si possa illudere che quella successiva, quella dei nostri figli, sia migliore, dopo diversi millenni le domande che ci si pone sono sempre le stesse, gli accadimenti sul nostro mondo sono sempre quelli e tutto sembra muoversi ciclicamente nella stessa direzione.

È proprio difficile essere originali e quando lo si crede d’essere è un po’ come stare su di un filo di un equilibrista; dove basta un soffio di vento per rischiare di cadere in mezzo a tutti gli altri.

Read Full Post »

Eccone uno:

Potete anche chiedervi cosa passava per le menti degli interpreti quando l’hanno composta…

P.s. Bassi; che mi combini? 😉

Read Full Post »

Ho visto Draquila qualche giorno fa. Devo dire che è stato girato molto bene. La cosa più importante di Draquila però, è senz’altro il suo contenuto.

Simpatico in alcune gag, drammatico nelle sue immagini, sconcertante per le spiegazioni degli intrecci tra politica, protezione civile e costruzioni edilizie. Questi sono gli aggettivi che userei per definire questo film/documentario. Viene mostrato palesemente il comportamento della politica e delle solite promesse di Berlusconi, le quali riescono ancora a circuire molte persone.

Come si è solito dire, è solo questione di tempo. Infatti, è notizia di qualche giorno fa: non ci sono più soldi per tenere i terremotati negli alberghi.
“Che se la mettano apposto da soli la casa allora” certo, si potrebbe dire anche questo. In alcuni casi certamente può essere anche colpa della mancanza d’iniziativa del singolo. Quando, però, si viene a sentire che le persone vengono “persuase” ad andare nelle nei campi della protezione civile, poi si può capire che non è così improbabile cadere in un circolo vizioso fino a quando non ti ritrovi con il sedere sul marciapiede.

Se ti ritrovassi raggirato, illuso, senza un tetto sulla testa, con una casa squarciata ed una città distrutta, il minimo che ci si aspetterebbe è sentire la tua voce che espone il proprio disagio.

Si vede che il Governo invece non se l’aspettava, così ha reagito nell’unico modo in cui sa fare quando lo si mette difronte alla realtà.

..picchiando i suoi cittadini.

Da qui si denota che coloro che governano lo stato non hanno un visione lungimirante. Se si mettono a picchiare in manifestazioni pacifiche in cui ci sono anche donne ed anziani, chissà cosa hanno in mente di fare quando saranno molti di più a chiedere conto delle loro azioni.

Read Full Post »

I’ve seen many like this one. But made with the Phone is awesome!

Enjoy it.

Read Full Post »

Tutti lo vogliono, tutti lo cercano, tutti lo desiderano. Mi sta mettendo più ansia di Google Wave! Voglio Buzzz!!! Ma cos’è? A cosa serve? Cosa fa?

E chi lo sa?! Ancora non l’abbiamo potuto provare… E’ come Twitter con i commenti, ah è come FriendFeed allora.. Si ci siamo.. Solo che è by Google e si integra con Gmail, Picasa, Twitter, Flickr, tua mamma.. M’ha, aspettiamo d’averlo provato per giudicare. Tra l’altro se non erro anche FriendFeed è made in Google o meglio in ex dipendenti Google, poi comprato da Facebook.

Intanto il video di spiegazione su cosa Google Buzz fa e su cosa Google Buzz è!

Read Full Post »

Older Posts »