Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘web’

E’ arrivato! Come un fulmine a ciel sereno dopo averlo presentato proprio ieri oggi è già disponibile per il download la prima versione beta del browser di casa Google.

Non si è fatto annunciare, quasi volesse passare in sordina, a differenza ad esempio di Google Android, neanche il tempo di aspettarlo, di bramare per averlo, di attendere ansiosamente una data di rilascio troppo distante nel tempo.

Qui le vignette pubblicate ieri sul funzionamento e le caratteristiche salienti di Chrome.

Lo sto provando in questo momento: molto carino, intuitivo e con delle funzionalità innovative tra cui:

– gestione dei tab molto curata e semplice, con possibilità di creare una nuova finestra a partire da un tab e viceversa;

– i tab risiedono in aree di memoria separate cosicché se ne crasha uno non cade l’intero browser (finalmente!);

– possibilità di monitorare le risorse suddivise per tab e plugin (tipo task manager di windows);

– anteprima dei siti più visitati all’apertura di un nuovo tab (tipo Opera);

– ricerca nel web e nella cronologia, suggerimenti durante la digitazione direttamente dalla Barra degli indirizzi (stile Firefox 3 e Opera);

– possibilità di creare scorciatoie per aprire applicazioni web (es Gmail) direttamente dal desktop senza avviare il browser;

– modalità in incognito (tanto decantata da Internet Explor 8, già soprannominata porn-mode);

– opzioni avanzate per sviluppatori web come javascript debugger e un ottimo inspector per vedere sorgenti html, css e javascript;

e tante altre funzioni che vi lascio scoprire.

Una cosa sola, per quanto mi riguarda fondamentale, manca: la possibilità di bloccare le pubblicità nei siti come faccio con Adblock in Firefox e “blocco dei contenuti” in Opera, ma d’altronde cosa ci si doveva aspettare da una società che vive sulla pubblicità??

Il primo sito che ho aperto poi è stato quello dell’Acid Test 3 per vedere come si comportava con gli standard del web ma diceva sempre “Pagina web non disponibile”, ma alla fine ce l’ho fatta, qui un po’ di risultati da me  ottenuti:

– Internet Explorer 6: 11/100 (mhuhuhaha!)

– Chrome 0.2: 63/100

– Firefox 3.01: 71 se non ricordo male

– Opera 9.52 tipo 83

…un po’ pochino per un motore (WebKit usato anche da Safari) che prometteva faville!

Read Full Post »

Le decisioni importanti vanno prese sempre quando piove, e dopo due settimane di pioggia come non potevo prenderne almeno una?
Ormai, già da molto tempo, uso OpenDNS. Non tanto per eludere la censura che viene applicata su certi siti web, una censura tramite DNS server – in parole povere invece di rispondere con l’indirizzo IP corretto del sito rispondono con un indirizzo IP di un sito dove ci viene comunicato che non possiamo visualizzare il dominio cercato in quanto censurato – ma piuttosto perchè a me la libertà piace e sapere che mi viene privata la visione di alcuni siti, anche se essi potrebbero non interessarmi minimamente, mi dà molto fastidio, e diciamolo pure, non mi fido di loro, shhh! 😉
Da oggi, dopo averlo provato e riprovato, visto e rivisto, usato e riusato ho deciso di usare stabilmente l’accoppiata TOR e Privoxy per la mia navigazione sul web. Io non sono un terrorista ne tanto meno un pedofilo ne, meno ancora, voglio compiere chissà quale attività criminosa come sono portati a pensare molti quando gli si dice che si vuole navigare anonimi nella rete. Io non sono nulla di tutto ciò, ma visto il Paese in cui ci troviamo ho deciso che voglio essere anonimo, che voglio tutelare la mia persona da occhi indiscreti.
Per ora userò TOR e Privoxy, ma appena avrò un pò di tempo testerò altri proxy.
Le prime impressioni dopo un pomeriggio d’utilizzo sono buone, devo dire che la velocità di navigazione più di tanto non ne risente del passaggio dalla rete tor, anche se sono conscio del fatto che potrebbero esserci dei momenti in cui si va più lenti come dei momenti in cui si va più veloce, ma tutto ciò è più che accettabile per avere un minimo di privacy. Privacy in questo mondo dove la privacy che viene tutelata è solo quella delle persone “pericolose”.
Vi consiglio di vedervi la registrazione della conferenza all’infosecurity 2007 di Matteo G.P. Flora alias LastKnight trattante la censura sul web.

OpenDNS:

208.67.222.222
208.67.220.220

Read Full Post »

Oggi parliamo di Joomla, anzitutto ci viene da chiederci cosa sia joomla e a cosa serva.
Joomla è un software CMS scritto completamente in php e ha lo scopo di facilitare la pubblicazione su web di contenuti. In parole povere è un software che consente la gestione di un sito web e la pubblicazione di contenuti su di esso in modo molto più facile e veloce della scrittura manuale delle pagine stesse. E’ nato nel settembre 2005 ed è un progetto rilasciato sotto licenza GNU gpl v2, in rapido sviluppo e portato avanti da un gruppo di programmatori uniti in un associazione no-profit di nome Open Source Matters.
Alcune delle caratteristiche principali del software sono: (wikipedia)

  • Alto grado di personalizzazione grazie ai numerosi moduli, componenti e mambot/plugin disponibili sia come Software libero che con altre licenze;
  • Caching delle pagine per incrementare le prestazioni;
  • Funzioni di Search Engine Optimization, per facilitare l’indicizzazione dei contenuti da parte dei motori di ricerca;
  • Feeding RSS, che permette ai visitatori di essere avvisati degli aggiornamenti dei contenuti mediante l’utilizzo di un feed reader;
  • Versione stampabile delle pagine;
  • Esportazione delle pagine in formato PDF;
  • Pubblicazione tipo Blog;
  • Sondaggi;
  • Ricerca testuale su tutti i contenuti inseriti;
  • Localizzazione internazionale, che permette la traduzione di ogni funzionalità del software nella propria lingua;

Altri componenti open source disponibili separatamente, sponsorizzati dal team di sviluppo di Joomla! ma non sviluppati dallo stesso team consentono, fra le altre cose, di:

  1. Creare e gestire forum di discussione (Fireboard)
  2. Tradurre l’intero contenuto del sito per renderlo fruibile in più lingue (Joom!Fish)
  3. Migliorare la gestione degli utenti registrati e potenziare loro interazioni, creando un effetto community (Community Builder)

L’installazione del software su un web server è molto semplice, per l’installazione è necessario avere il supporto php e un database MySQL per i dati del programma, basta scaricare il pacchetto e decomprimerlo, successivamente caricare le cartelle sul proprio server web tramite ftp o come più ci aggrada e collegandoci alla home page del sito partirà l’installazione, o sarebbe meglio chiamarla configurazione di base, del software. All’interno delle cartelle caricate ci sarà anche un file configuration.php, questo file è meglio editarlo e cancellarne il contenuto prima di caricarlo sul web, contenuto che poi verrà creato durante l’installazione dal software stesso. Finita questa prima fase il nostro sito è pronto all’uso e a tutte le modifiche che vorremmo apportargli. L’ultima versione stabile attualmente è la 1.5.2, che rispetto alla precedente stabile 1.0.15b è stata riscritta in molte sue parti. Molti dei plugin disponibili per la versione 1.0 sono compatibili nativamente oggi anche con la versione 1.5.

Io personalmente l’ho provato oggi stesso, e ne sono rimasto innamorato dal primo istante, è veramente un progetto ben fatto e si stà sviluppando sempre di più, la community che lo supporta è composta da tante persone e molto preparate, si può trovare risposta a qualsiasi quesito ci venga in mente, a qualsiasi problema riscontriamo nell’uso.
Che dire, se volete creare un vostro sito web dove pubblicare vostri articoli, vostre storie, la vostra azienda e non avete voglia di creare a mano ogni singola pagina web, non conoscete il php per rendere dinamico il vostro sito, affidatevi a Joomla!

..un white-rabbit che il software lo fa innamorare più di una donna..

Read Full Post »