Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘truffa’

Io sono stato tra i tanti che hanno firmato e votato per togliere la gestione dell’acqua ai privati… Mentre aspetto ancora con ansia che questo accada, il mio BRAVISSIMO gestore dell’acqua ha avuto il buon cuore, visto i tempi bui che affrontiamo, di fare della beneficenza!

Acque Veronesi:

con due distinte delibere n.12 del 24 novembre 2008 e n.12 del 14 dicembre 2009 ha istituito due Fondi rispettivamente di solidarietà sociale e di solidarietà internazionale.

Con questi due fondi Acque Veronesi vuole aiutare le famiglie con difficoltà economiche, aiutandole a pagare la bolletta dell’acqua, ed aiutare dei paesi a sviluppare condizioni igenico sanitarie e servizi idrici migliori ecc.

Si è però dimenticata di dire due cose, o meglio s’è ricordata un po’ in ritardo di dire che:

  1. Su questi fondi i soldi li mettiamo NOI con una sovrattassa sulla bolletta che varia in base al consumo;
  2. Queste due tasse aggiuntive sono in essere già da un po’ di tempo!

Assieme all’ultima bolletta è stata allegata una lettera che spiega l’esistenza di questi due fondi. Non viene specificato da quanto tempo sono attivi, ma ci sono dei contatti per poterli togliere dalle proprie bollette.

Siccome mi stanno sulle palle quelli che mi addebitano costi senza dirmi nulla, chiamo il numero verde (800 73 53 00): dopo 8 minuti d’attesa prendo la linea con l’operatore.

In due minuti mi conferma d’avermi tolto dalla bolletta i costi dei fondi, che dalla prossima bolletta ci saranno altre voci relative al rimborso di questi fondi (anche per le bollette passate). Quando gli chiedo da quanto tempo durava questa cosa lui mi risponde che dovrebbe interessare 2 o 3 bollette.

Dopo aver salutato l’operatore con un “controllerò”, vado a vedere le bollette passate e noto che questi aggravi fiscali erano sulle ultime 5 bollette.

È sempre piuttosto facile fare beneficenza con i soldi degli altri!

Spero arrivi presto il giorno in cui Acque Veronesi non esisterà più ed allora mi berrò un bel bicchier d’acqua alla vostra salute.

Read Full Post »

Degli spiriti di tanto in tanto si impossessano del tuo corpo? Bene, rallegrati, perchè oggi c’è la soluzione!

Qualche settimana fa, giravo in un caldo pomeriggio in quel di Lazise (un bel paesino sul lago di Garda), quando ad un certo punto ecco che vedo una cosa sconvolgente:

Appiccicato su un muro c’è un foglio (formato A4) che sembra essere soluzione a tutti i problemi spirituali di una persona.

..un po’ più nel dettaglio:

Ecco fatto! I miei problemi con gli spiriti sotto il letto son finiti 🙂

Il bello è che magari, visto che fa anche fattura, posso detrarre le spese dal 730 😀

Nota: Mi spiace, ma ho scelto di cancellare il numero per evitare: in primis, che qualcuno leggendo il foglio pubblicitario possa crederci e quindi fomentare questo mercato; ed infine, nel caso in cui sia uno “scherzone” organizzato da terzi ad un ignaro numero, evitare al povero malcapitato di vedersi decine di telefonate da sconosciuti 🙂

Read Full Post »

La nostra struttura ricerca, nella Vs. zona, personale che abbia le caratteristiche per essere inserito o formato nell’ambito della Progettazione Civile/Industriale CAD e dello sviluppo di Progetti Grafici Tridimensionali.[…]
Sottolineamo che qualora le conoscenze del candidato siano da integrare sarà effettuato un corso di specializzazione extra lavorativo sabato/serale, presso la sede prossima alla vostra residenza, mirato all’eventuale inserimento nel mondo del lavoro.

Che bello una ditta che vuole “investire” su di me!! Questo è parte del contenuto di una lettara arrivatami da parte della ditta Pragma. Da quel che si legge sembrerebbe proprio che cerchino personale da assumere, o almeno è quello che lascia intendere. Ebbene non è così, infatti cercano solamente persone da inserire nei loro corsi di AutoCAD e modellazione 3D.

Beh, almeno possono risulatre interessanti i corsi 3D, si certo, però se scrivessero subito che vogliono una quota di iscrizione di 280€ e che il costo del corso è di 1380€ mi risparmierebbero il disturbo di andare fino alla “sede prossima alla residenza” per dirgli che non sono interessato.

Sul programma che mi è stato fornito 9 punti su 17 riguardano il corso di AutoCAD, dall’interfaccia AutoCAD alla stampa in scala, cose che generalmente chi esce da una scuola di stampo tecnico sa fare ad occhi chiusi. I punti successivi riguardano le tipologie di modellazione fino al Rendering che, per intenderci, è solamente la presentazione del solido appena costruito.

Non so dirvi se il corso sia valido o se sia una specie di truffa. Posso dirvi però che non mi piacciono lettere ambigue dove alla fine ti ritrovi difronte una persona che ti parla di una corso di 70 ore per un costo complessivo di 1660€.

Badate bene: non vi dico che non dobbiate farlo, ma volevo solo preannunciarvi alcune cose nel caso anche voi non riteniate utile fare un corso del genere.

Read Full Post »

Probabilmente qualcuno di voi ha già sentito parlare del referendum elettorale nella terza domenica di votazioni consecutiva, ma data la scandalosa decisione che è stata presa per la data, non potevo non fare eco a questa notizia.

Sono due le date possibili in cui poter votare questo referendum il 7 giugno e il 14 giugno. L’obbiettivo del referendum è cambiare l’attuale legge elettorale figlia di un padre privo di ogni remora nel chiamarla con il suo vero nome.

Come oramai sanno tutti, viviamo in un periodo storico economicamente instabile. Sperperare non è mai una buona cosa, specialmente se i soldi non sono tuoi. Farlo in momenti come questi fa affiorare un’incoscienza profonda e una mancanza di rispetto nei confronti di tutte quelle persone che, con le loro ore di lavoro rubate alla vita privata, portano avanti la speranza di poter migliorare le proprie sorti.

Il 7 giugno, come ormai si sà, ci saranno le elezioni europee ed amministrative. Una mente con un senso logico ingloberebbe in questa data anche il referendum elettorale, ma a quanto pare non abbiamo molti cervelli al governo con questo tipo di idea. Infatti, le votazioni per il referendum verranno fatte il 14 giugno.

Alcuni economisti hanno scritto un articolo su Lavoce, nel quale fanno una stima di quanto ci verrà a costare la scelta di far votare il referendum il 14 giugno invece che il 7.

Quattrocento milioni di euro, ecco quanto costerà, forse in lettere non rende bene: 400.000.000€ !!

Tutto questo, almeno è quello che mormorano i mal pensanti, per stancare la gente a forza di elezioni ed impedire così il raggiungimento del quorum necessario per convalidare il risultato del referendum (a volte pensando male ci si azzecca però).

Si parla tanto di sicurezza, si vanno persino a raccogliere gli spiccioli ai morti (mi riferisco ai conti dormienti), ma non si riesce a vedere che con sole due decisioni derivanti dalla disonestà dei reggenti (il cambio del sistema di voto alla camera prima, e lo slittamento della votazione del referendum ora) ci sono già costati 800.000.000€, quasi un miliardo di euro! Con una cifra simile la polizia locale non dovrebbe centillinare la benziana nei serbatoi delle auto e la sanità potrebbe rinarsi lei stessa.

Su questo sito avrete la possibilità di ascoltare la conferenza stampa del comitato referendum elettorale che, se anche può risultare un po’ lunga, vi consiglio di ascoltare.



Read Full Post »

phtyg

Ho vinto ho vinto!!
Che bello, non vinco mai niente e invece questa volta ho vinto ben 150€. Sai red bull vodka alla menta che mi vengono? ben 25 anzi no 24 per colpa di quell’euro di commissione. Vabbè che vuoi che sia? per un euro c’è lo metto io dai. Ho sempre vinto 149€. Sono troppo contento, soprattutto per il fatto che nemmeno sapevo d’avere un conto in bancoposta, molto probabilmente aprono di default i conti a tutti i cittadini in modo tale che quando uno va a richiederlo sia già tutto predisposto, troppo efficienti. Ah ah siete invidiosi che io ho vinto e voi no!!
Vista la mia poca dimestichezza con i computer e il web domattina mi fiondo in Posta a riscuotere. La sicuramente hanno un terminale e qualcuno che mi può aiutare a cliccare sul link! O adirittura hanno fra i preferiti il sito di bancoposta e non devo nemmeno copiarmi il link della mail per accedere!

Ovviamente va letto tutto in chiave ironica, si tratta dell’ennesima mail di phishing giuntami oggi sempre alle spalle delle Poste. Ma in quanti ci cascano?
Dai sveglia!! Se proprio credete d’aver vinto qualcosa andate direttamente sul sito in questione e accedete da li, non usate i link presenti nelle e-mail… 😉

Read Full Post »

Ieri sera, assieme a white-rabbit, ho avuto il piacere di partecipare ad un’incontro in cui il relatore era un dipendente della banca etica.

Ora voi vi chiederete: Cos’è la banca etica?

Bella domanda… eh, non lo so! O meglio, posso dirvi solamente che è una banca che a differenza delle altre investe in cose “eticamente corrette” (tipo aziende che non commercializzano armi o che rispettano l’ambiente). Per maggiori info andete sul loro sito, infondo il mio lavoro non è di certo il promoter.

La serata è iniziata con una lunga introduzione su come sono nate le banche, chi le ha fatte nascere e dove sono nate..devo ammettere che per la prima ora ho potuto osservare a lungo il colore del pavimento e dei muri della stanza 😐

Il resto della serata lo si è passato parlando dell’etica che è stata persa nelle banche e che adesso deve ritornare.

pinocchioDurante l’esposizione, sia io che white-rabbit abbiamo notato delle affermazioni totalmente false o comunque prive di senso etico, del tipo: ” […] lo stato dovrà stampare molte più banconote […] ” cosa totalmente falsa e forviante per chi ascolta, visto che sono le banche centrali private a stampare denaro; ” […] la banca, se ha uno, ha la possibilità di prestare dieci […] “, la famosa riserva frazionaria, solo che anche qui, non mi sembra molto etico avere la possibilità di prestare denaro che non si possiede, per il codice civile sarebbe truffa!

Quattro sono state le domande poste alla fine della serata al relatore.

La prima domanda, da parte di un anziano signore, non ricordo cosa chiese ne tanto meno ciò che gli fu risposto.

La seconda domanda, da parte di un ragazzo dichiaratosi un dipendente di una banca, chiedeva cosa ne pensasse a proposito della possibile crisi degli stati che potrebbe esserci tra poco. Il relatore ha risposto che tutto l’ambiente era ormai marcio… di più non ricordo 😦

(Forse non ci crederete, ma l’abilità di divagazione del relatore era straordinaria, riusciva a parlare per più di venti minuti per rispondere ad una domanda e poi non si riusciva a capire la vera risposta.)

La terza domanda, da parte di una donna dichiaratasi anch’essa dipendente di una banca, chiedeva cosa potesse fare un singolo cittadino per far cambiare le cose rendendole un po’ più etiche (l’ho un po’ parafrasata).
spesaIl relatore ha affermato che un cittadino singolo non può fare molto, e che dovrebbe riuscire ad aggregarsi ad un gruppo, ma che comunque individualmente può fare delle scelte, cioè: ogni volta che va a fare la spesa, li ha potere di voto. In base a ciò che si sceglie di comprare o anche in base alla banca in cui sceglie di andare, li dai il tuo voto favorevole per quel tipo di prodotto o di azienda.

La quarta ed ultima domanda è stata la mia:”Sa dirmi, o dirci, di chi è la proprietà della moneta?”. Dopo 3-4 secondi di attesa, il relatore risponde:”Ah ho capito dove vuoi andare a parare, vuoi parlare del signoraggio!”. Infine risposta è stata che la proprietà della moneta è di chi la fabbrica. Quando gli ho fatto notare che, visto che quella serata era improntata sull’etica, non mi sembrava affatto etico lasciare ad un’ente privato (Bankitalia prima, BCE adesso) la capacità di gestione della moneta in uno stato e quindi anche l’assoggettamento dei cittadini ad essa, e che tutte le cose che ha detto fin ora sono tutti dei palliativi visto che il marcio vien molto prima. Allora mi ha risposto che il signoraggio bancario è più una cosa ideologica e che non bisogna basarsi troppo sulle ideologie.

Ma cos’è l’etica se non un’idea comune a tutti di cosa è giusto fare?

Si insomma: non comprare i cereali della Nestlé va bene, ma non toccatemi il sistema bancario.

Read Full Post »