Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘news’

Forse a qualcuno è sfuggito che da qualche giorno è disponibile Google Street View a Verona!

Non ci sono ancora tutte le vie (manca praticamente tutto il centro), ma un giretto per le vie della città non fa mai male…

PS: oggi data palindroma 01022010 evviva!

Read Full Post »

Notizia di oggi (sentita al tg alla tv, ma presente anche sul web, ad esempio qui): trovati 60000 file nel computer del trans Brenda (quello coinvolto nello “scandalo” Marrazzo)…

Ma io mi domando: che cazzo di notizia è questa? Sono andato per curiosità a controllare: solo la cartella di Windows contiene 66000 file!

Cioè non è che perché sparano dei numeri grandi allora è una notizia importante, soprattutto se non si ha idea di cosa si stia parlando…

Della serie: il PC questo sconosciuto!

Read Full Post »

C’era una volta una persona di nome Cesare Previti. Questa persona è stata condannata per aver corrotto un giudice allo scopo di favorire il suo cliente: Silvio Berlusconi. Berlusconi da quella esperienza deve aver imparato molto visto che ultimamente ci è ricaduto. Infatti, ora è il tempo di Mills che ha ricevuto 600mila dollari (da Berlusconi) per testimoniare il falso in un processo.

Fossi avvocato ci penserei due volte prima di mettermi a lavorare per Berlusconi. Sembra davvero di essere in un mondo capovolto, dove vanno in galera gli avvocati e non i clienti.

Nel video qui sotto si ha la possibilità di vedere la reazione di alcuni parlamentari messi difronte al fatto. So che sarebbe corretto e giusto l’espulsione di Berlusconi dal governo, mi chiedo se anche tutti coloro che presentino esplicitamente una moralità così infima debbano avere l’onore di sedere su quelle poltrone. Mi tornano alla mente le parole di Woody Allen: “I politici hanno un’etica. Tutta loro. Una tacca più sotto di quella di un maniaco sessuale.”

È null altro che un circo nel quale si cerca di nascondere ciò che è sotto gli occhi di tutti. Vedo un’accusa e vedo i sostenitori dell’accusato trincerarsi dietro vane parole per ottenebrare le responsabilità di un capo di governo.

Qui non manca solo il bene per il prossimo o l’onestà, manca la sincerità nei loro stessi confronti. Chi si nasconde dietro alla speranza di non essere scoperto non lo posso definire una persona responsabilizzata, ma solamente responsabile di tutte le sciocchezze che dice e di tutti i soprusi che ha procurato.

Delle volte mi sembra di essere in una bolla di sapone, dove tutta la merda che cade passa attraverso la superfice e magicamente diventa pulita, candida. Fortunatamente come simili schifezze riescano ad entrare nella bolla, pure io ogni tanto riesco a mettere fuori il capo e vedere come stanno le cose. Dovreste provare anche voi, potreste trovare cose come queste:

..semplicemente giornalisti che fanno delle domande. Spero arrivi al più presto quel giorno in cui la pressione di simili deiezioni faccia scoppiare la mia e tutte le altre bolle di sapone.

Sta diventando semplice vedere se un giornalista sta facendo il suo lavoro, lo si capisce dall’espressione degli interessati. Ora riguardate il video precedente e provate a leggere nella mente di Berlusconi. Questa è la scaletta che ho fatto io:

Tempo

Pensiero

0:00

Guardian?! Un giornalista straniero! Questo può essere capace di far domande CRIBBIO!!

0:12

Ecco! Lo sapevo!

0:33

Non dire che son brutto e cattivo, non dire che son brutto e cattivo..

0:41

Bravo Gordon, per un attimo pensavo che non fossimo più amici.

0:42

Tutti voi stronzi: non provate più a far domande che vi compro i canali televisivi e vi faccio licenziare!

Sul sito Il sole 24 ore, c’è un articolo nel quale sono riportati alcune frasi tratte da giornali stranieri. Una cosa che mi ha un po’ amareggiato è una frase del New York Times: “Più Berlusconi volge il sistema a suo vantaggio, più gli italiani sembrano ammirarlo”. Ecco, gradirei che in futuro invece di scrivere “più gli italiani” mettessero al posto di “gli” la parola “alcuni” o “quasi tutti”, oppure specificare che si tratta della parte di popolazione che non è in grado di leggere e scrivere.

Read Full Post »

Dopo aver trascorso un anno assieme al TyTn e averlo poi recentemente venduto, non avevo ancora ben chiare le idee in merito al futuro dei cellulari nella mia vita.
Dopo alcuni giorni avevo preso la decisione di acquistare un cellulare così alla buona, in attesa di comprare qualcosa di più serio, visto che al momento niente m’ispirava. Ho puntato sul G705 by sony ericsson. L’ho cercato e ricercato in vari negozi senza riuscire nell’intento d’acquistarlo. Sconsolato e amareggiato restavo senza telefono.
Una mattina, come sempre mi alzo per il lavoro, e vedo una news sul web. Mi sono subito illuminato e la decisione sè fatta nitida, dovevo comprare quel telefono. Disponibile solo in negozi specializzati. Passano 2 giorni durante i quali ho indagato su dove fossero i centri più vicini a casa e durante i quali ho deciso che valeva la pena prendere il treno e partire. Ed è così che ieri ho fatto. Preso il treno diretto a Padova e sono andato nel Nokia Store.. Dopo un breve giro all’interno ho preso paura vedendo che il telefono da me desiderato non era esposto. Quindi chiesi alla commessa e fu allora, con mia immensa gioia, che mi fu portato. Di cosa stiamo parlando vi starete chiedendo! Ma è ovvio, del nokia 5800 xpressmusic. Toccato con mano, usato 1-2 minuti e poi acquistato alla modica cifra di 439€. Ora dopo un giorno scarso d’utilizzo ne sono già innamorato. Rimando a data da destinarsi una eventuale recensione sulle funzionalità del telefono, devo usarlo un pò per poterlo giudicare, non voglio dare giudizi affrettati. Per ora le uniche cose che posso dire riguardano il touch screen che risulta abbastanza preciso, non ho mai avuto bisogno del pennino. Il symbian sembra reggere bene questa sua immedesimazione in un dispositivo a lui nuovo e non ha mai avuto blocchi o rallentamenti.. Gli 8gb di memoria in dotazione con il telefono sono un esagerazione e ci potete mettere tutto ciò che volete. La qualità audio e video è molto buona, sia con le casse integrate che tramite auricolare.. Rimango in attesa di provare il GPS con magari un TomTom..

nokia

Read Full Post »

Non crediate di essere in uno stato “democratico” solo perchè ogni tanto vi concedono di votare. Il voto non è sufficiente per definire uno stato democratico. A cosa serve il voto se il cittadino ignora completamente chi sia o cosa voglia fare veramente il politico che ha deciso di votare?

Tutto questo dovrebbe essere compito di un giornalista, o meglio: di tutti i giornalisti!

Disgraziatamente però, non abbiamo giornalisti molto validi che lavorano all’interno del “medium di massa”. Di fatto i giornalisti che lavorano in tv non lavorano per far conoscere le notizie ai cittadini, ma lavorano per la televisione e di conseguenza per colui che la gestisce.

Due esempi eclatanti sono i tg di rete4 e italia1.

È interessante vedere come questi due telegiornali, pur facendo lo stesso sporco lavoro, attuino una differente esposizione delle notizie, ovvero, il tg4 racconta notizie a favore del proprio “prediletto politico” in maniera palese, mentre StudioAperto adotta una tecnica trasversale, potrei dire anche subdola.

Ascoltando un sevizio di StudioAperto vi capiterà molto spesso di sentire frasi del tipo:

  • “ma Emanuela ormai non c’è più”;
  • “Gina non potrà più riabbracciare il suo orsacchiotto preferito”;
  • “gli amici di Ernesto hanno scritto una lettera per il loro indimenticabile amico”;
  • “Arnoldo sarai sempre nei nostri cuori”;
  • “una vita finita presto, troppo presto, ed ora non potremmo più rivedere i tuoi grandi occhioni blu”;
  • “se la sente di perdonare l’assassino di sua figlia?”;
  • “esiste il perdono per colui che le ha ucciso l’intera famiglia?”.

Quando sento questi servizi, mi sembra di leggere un pessimo libro di narrativa.

Tutte quaste frasi sono dette solo per impietosire gli ascoltatori. Si va alla ricerca di forti emozioni come la rabbia e l’odio sulle quali poi l’ascoltatore ci si rispecchia e le fa nascere a sua volta in lui.

Se alla fine del tg vi capitasse di farvi questa domanda:”Cosa mi ricordo delle notizie che hanno detto?”. Non preoccupativi se la risposta è:”niente”, perchè significa che le vostre difese immunitarie sono ancora attive. Se invece la vostra risposta dovesse essere:”Briatore si sposa, hanno fatto una ricerca e si è scoperto che camminare guardando avanti è meglio che non fa camminare e guardare di lato..ecc ecc”, beh allora vi consiglio almeno 5 settimane di assoluto isolamento e meditazione in cima ad un monte sperduto nei boschi.

Un paio di giorni fa, per l’esattezza giovedì 03/07/2008 mi sono tolto una curiosità: ho preso appunti delle notizie dette da StudioAperto. Sfortunatamente mi sono perso i primi minuti tra i quali l’introduzione dell’opinionista, del quale si potrebbe fare benissimo un post tutto dedicato a lui visto le “alte” ed “illuminanti” rivelazioni delle quali ci rende pertecipi (es:”per me va bene che si scrivano le parole abbreviate sui cellulari, ma non che queste entrino a far parte della scrittura comune” oooh, un filosofo d’altri tempi).

Questa è la scaletta delle notizie che ho sentito quel giorno:

  1. Storia dei Rom scarcerati i quali erano indagati perchè usavano i figli per mandarli a rubare (o una cosa simile);
  2. Donna arrestata tre volte in pochi mesi in provincia di Salerno;
  3. Figli tolti ai genitori. Classico montaggio e voce che spiega la dura realtà;
  4. Annamaria Franzoni sconto di pena (non poteva certamente mancare);
  5. Arrestato un albanese accusato di aver ucciso un ragazzo, con l’indimenticabile domanda al padre se lo perdona;
  6. Il consumo di alcol è in aumento tra i giovanissimi. “È la moda del sabato sera.”. Statistiche sui ragazzi che bevono, leggi che non vengono rispettate – vietato dare da bere ai minori di 16anni;
  7. Intercettazioni telefoniche. Immagini del premier che scende da un’auto. Servizio durato poco più di 30s;
  8. Incontro tra “uno” della San.Paolo e un altro “non so chi” a Bruxelles per decidere il destino dell’Alitalia. Servizio durato poco più di 30s;
  9. Il caldo: comincia l’emergenza. “L’Italia si spacca in due.” Anziani e bambini a rischio, allarmi rossi ecc. (classica notizia che si sente generalmente da aprile a settembre);
  10. Prezzo del petrolio a 146$ al barile. Diminuisce l’uso dell’auto. La gente s’ingegna, interviste a persone che dichiarano banalità;
  11. Vandalo in piazza Navona a Roma. Intervista a un testimone. Immagine del vandalo e alcune notizie che lo riguardano;
  12. Persona annega nel fiume;
  13. Extracomunitari rischiano la vita per rinfrescarsi nella acque del fiume, uno di loro muore. Intervista al carabiniere eroe che li ha salvati, con relativa descrizione “lacrimosa” dell’accaduto;
  14. Una persona vuol farsi operare per togliersi un proiettile dal corpo, ma gli viene impedito perchè quel proiettile è una prova;
  15. Nordest: spiagge con vigili per eliminare i “vù cumprà”;
  16. Sardegna: al mare con il timer e a pagamento;
  17. Scea: “guerra alle calorie”. Il sindaco vuole tutti a dieta e i ristoranti dovranno mettere le calorie sui menù;
  18. Look da spiaggia, prova costume:”dovete avere un costume adeguato per non essere demodè.” Intervista alle ragazze sulle spiagge che spiegano la scelta del loro costume da bagno;
  19. Il palinsesto Mediaset è ricco di programmi. Intervista a Berlusconi Jr. :”Settembre molto ricco e pieno di novità.” italia1 conferma il suo cuore giovane.  Immagini delle gag di Ale e Franz. Pay tv premium, canali digitali ecc. ecc. (se si può perchè non farsi pubblicità anche durante il tg?!);
  20. Una miliardaria ha lasciato 5milioni di dollari ai cani (un altro vecchio cavallo di battaglia sul quale si può sempre fare affidamento);
  21. Oscar, il ragazzo con le protesi alle gambe, non cel’ha fatta per le olimpiadi. Intervista al ragazzo;
  22. Paparazzi e vip rapporti difficili. George Clooney inseguito per le vie del lago di Como. Il fotografo su di uno scooter viene fermato dalla sua scorta di George e dopo avergli spento lo scooter gli rubano le chiavi;
  23. Meteo.

Di tutte le “notizie” elencate, solamente due si potevano chiamare notizie, cioè quelle delle intercettazioni e dell’Alitalia, ma lo sviluppo dell’argomento, fin troppo mediocre, non può aver portato nessun tipo di conoscenza in più all’ascoltatore.

Quando penso e so che per alcune persone (sempre troppe) questi tg sono la loro unica fonte di informazione, perdo ogni speranza per il genere umano, poi però mi ricordo sempre che esistono siti come questi:

http://odiostudioaperto.tk/

e mi torna il sorriso. 🙂

Read Full Post »