Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘grande depressione’

Come far chiudere per bancarotta le banche? Semplice: basta prelevare tutti i nostri soldi che facciamo gestire a loro.

È quasi più un gioco (infondo non sono un prof. e neppure tanto stronzo 🙂 ).

Il compito che vi ho assegnato consiste nel prelevare, entro la prima settimana di ottobre, tutti o almeno il 90% dei vostri depositi bancari.

Come molti di voi già sapranno, i soldi del vostro conto corrente non vengono mantenuti in una cassaforte all’interno della banca, non tutti almeno, ma vengono investiti secondo criteri stabiliti per legge. Queste disposizioni, permettono alle banche di mantenere solo una piccola percentuale del danaro in suo possesso e di investire il restante (riserva frazionaria).

A conti fatti non sarebbe corretto chiamare i nostri conti correnti “depositi”, sarebbe giusto chiamarli mutui. Infatti, noi prestiamo i nostri soldi alla banca, la quale li investirà dove meglio crede e in cambio ci darà una percentuale dei suoi ricavi (quando ci va di lusso lo 0.1%).

Ottobre non è stata una scelta casuale. In questo mese, non so perchè, le borse hanno una certa tendenza a crollare – vedi crolli del 1929 e 1987 – quindi nel caso in cui dovesse crollare solo il sistema Italia e non l’intera Europa, qualche soldo rimane in tasca nostra e non sotto forma astratta di bit nel computer della vostra banca.

Viviamo in un’economia falsa dove i soldi reali sono 1/7 di quelli informatici, dove i parametri per valutare il valore di uno stato scinde completamente da ciò per cui vale la pena vivere.

Per tutti coloro che chiudono gli occhi e continuano a credere che andrà tutto bene grazie al made in Italy, vi sfido a provare se davvero un piccolo gesto come può essere un prelievo può veramente incrinare la grande economia.

Per tutti coloro che vedono che le cose non possono proseguire oltre, vi invito a fare questo gesto per almeno provare a dare un segno di svolta. Per ripartire, magari dal fondo, ma sopratutto per rendere tutti consapevoli che viviamo in un castello di carte destinato a crollare.

Read Full Post »