Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘censura’

Prima di affacciarmi sul mondo di internet credevo che i film fossero “solo” quei 90, 120 o a volte 180 minuti che si vedono in pellicola.

Cominciando a navigare un po’ in giro ho visto che di un solo film, quando va bene, ce ne sono almeno due versioni (mi riferisco a quella uscita al cinema e successivamente alla Director’s cut).

Come se non bastasse, le case di distribuzione che doppiano e portano i film in Italia spesso e volentieri vogliono lasciare la loro firma sulla pellicola, sul trailer e pure sul titolo.

Qualche tempo fa, ero andato a vedere l’ultimo film di Jim CarreyColpo di fulmine: il mago della truffa“. Come già descrissi, si formò un piccolo teatrino che mi portò molto rapidamente in mezzo ai pensieri delle persone li vicino.

Evidentemente quelli della Luky Red conoscevano molto meglio di me queste possibili reazioni. Lo si può dedurre osservando due trailer, il primo in italiano, il secondo in inglese:

Nel secondo trailer, rispetto al primo, è palese che si tratti di una storia di un truffatore e del suo amore nei confronti del suo compagno. Questo “particolare” nella versione in italiano sembra fatta passare come parte della truffa architettata dal truffatore protagonista del film.

Lo stesso titolo è la dimostrazione che si è cercato di nascondere la natura della pellicola. Infatti, in Italia è uscito come “Colpo di fulmine: il mago della truffa”, in tutti gli altri paesi è uscito con “I love you Philip Morris”… e non credo che sia dovuto ad un’errata traduzione del titolo originale.

Come ha subito variazioni trailer e titolo, è presumibile che qualche taglietto, qua e là, l’hanno dato pure al film. Nel secondo trailer, infatti, al 34esimo secondo circa c’è una scena che non ricordo d’aver visto durante la proiezione del film.

Molto interessante è anche far un confronto delle diverse locandine fatte per questo film.

Qui sotto ne metterò a confronto due:

Come si può notare, invece di “Ti amo Philip Morris” è stato messo un anonimo “Colpo di fulmine” e più in piccolo un “il mago della truffa” che sembra quasi vada a sostituire la scritta in rosso “Begin gay is really expensive” (Diventare gay è molto costoso [ndt]).

Oltre al titolo, gli stessi personaggi sono disposti in modo molto diverso. Nella locandina in inglese ci sono i due protagonisti in primo piano, in quella in italiano c’è solamente Carrey in primo piano che porta a spasso i cani, altre due sue immagini ai lati quasi a farlo sembrare uno dei suoi classici film comici e più defilato in un angolino McGregor, del quale è difficile perfino distinguerne il volto.

Qui di seguito potete vedere le altre locandine che sono riuscito a trovare, come potrete vedere con i vostri occhi non ce n’è una che possa forviarvi:

Tutto questo, molto probabilmente, per fare qualche decina di migliaia in più d’incassi: il business è business.

A volte invece si danno dei connotati diversi al film semplicemente per problemi di traduzione come presumo sia successo per “Donnie Darko” (nella versione originale vengono tagliate le scene in cui legge un libro in inglese). Anche se, sempre in “Donnie Darko”, ci sono dei tagli inspiegabili: ma davvero! in una scena in cui il padre parla al figlio ad esempio: niente scene di sesso o violente, nulla di nulla, forse perchè il padre era un po’ brillo, ma questo non può essere una giustificazione.

Anche “Jeux d’enfants” è stato tradotto con un’improbabile “Amami se hai coraggio!”. Qui, molto probabilmente, volevano far leva sul lato sentimentale dei possibili fruitori del film.

Tutti questi tagli e censure (prendere anche come esempio “I segreti di Brokeback Mountain” che la Rai ha censurato per trasmetterlo in tv) ti mostrano come un prodotto, che può essere ritenuto artistico, possa subire innumerevoli variazione essenzialmente in base al tipo di mercato in cui andrà smerciato. Sembra proprio una nuova forma di prostituzione e d’inganno per la gente, il tutto per accattivarsela.

Di fatto non ritengo che abbia molto senso questa logica di mercato in campo artistico, o meglio: ritengo che censurare scene del film perchè sono troppo forti sia ridicolo, se vuoi che la gente non le veda semplicemente non proiettare il film.

Si sa che nessuno vive di aria, ma se per vivere devi deviare ciò che originariamente si voleva dire, è meglio: o puntare su altri film o avere il coraggio per fare qualcosa, che magari, ad alcuni potrà non piace.

Personalmente preferirei vedere un film che ritengo magari brutto in alcune sue parti, piuttosto di un film che sia toltalemte accondiscendente nei miei confronti. Lo riterrei quasi come un segno di maturità e rispetto, nel senso che è normale non esser d’accordo su tutto, ma il raziocinio dovrebbe almeno darci la possibilità di provare a capire cosa sia il messaggio principale.

… Io sono favorevole per un cinema più maturo (distribuzione compresa).

Read Full Post »

Gira per la rete uno cortometraggio molto ben fatto: Logorama.

Ho letto qualcosa riguardo a questo corto su di un giornale qualche settimana fa. Stando a quanto ho letto sembra che abbia avuto un po’ di problemi dopo la sua uscita. Infatti, ha avuto molte denunce e subito diverse censure. Leggendo queste poche frasi dell’articolo mi son detto:”Lo devo vedere assolutamente!” 🙂

Non è stato affatto difficile trovarlo e vederlo.

Una città completamente costruita e abitata dai marchi più famosi. Perfino nello zoo si possono vedere cose che hanno accompagnato la nostra infanzia (tipo le caramelle della Haribo) e che vediamo giornalmente in negozi, giornali e tv.

16 minuti che ti possono far capire il perché ci possono esser state delle denunce e censure.

Nel corto c’è anche molta azione ed il ruolo del cattivo, in un film d’azione, qualcuno lo deve pur fare.

In questo caso hanno scelto il pagliaccio della McDonald.

Certamente vedere il proprio “ariete per menti dei bambini” diventare un crudele criminale può non far piacere, ma se li può consolare, secondo il mio modesto parere, ha interpretato il suo ruolo in modo impeccabile 😉

Un film con molta azione e con un finale a sorpresa che vi consiglio di guardare. Tra l’altro è pure vincitore di un paio di premi che in molti aspirano (come il festival di Cannes e l’Accademy Award).

Qui sotto avete la possibilità di vederlo in inglese sottotitolato in italiano (versione che consiglio), altrimenti qui c’è anche una versione doppiata in italiano, ma come sempre i testi “perdono” qualcosa nella traduzioni.

EDIT: una piccola parte nel finale viene tagliata, in questa versione in inglese vi potete vedere anche un’ultima uscita di un personaggio inaspettato con una delle sue frasi più celebri 🙂

Read Full Post »

Qual’è il motivo per cui dovrei far decidere a qualcuno, al di fuori della mia persona, cosa non posso vedere? La risposta è NESSUNO.

Sembra ti tornare a vecchi ricordi di storia per quel che riguarda la censura.

Il cinema, come la televisione, è diventato molto sensibile ai possibili dispiaceri che potrebbe causare a qualche personaggio o gruppo di persone di rilievo. Già in questo anno, sono tre i film che dopo aver esposto temi “spiacevoli” hanno riscontrato qualche difficoltà nell’uscita della pellicola ai cinema. Per non dire che non sono proprio usciti.

  1. Videocracy, un film che parla del potere mediatico di Berlusconi attraverso le sue televisioni. Di questo film non è stato mandato in onda il trailer ne su reti Rai, ne su quelle Mediaset, in modo del tutto arbitrario. Il film è uscito nei cinema, ma solo di alcune città (per fare un esempio in tutta Verona e provincia non era presente nessuna programmazione);
  2. Francesca, il film parla del razzismo italiano contro i rumeni. Questo film, il quale aveva già una casa produttrice pronta (Fandango), è stato bloccato a causa delle offese rivolte al Sindaco Flavio Tosi e all’on. Mussolini;
  3. Agorà, film che parla di Hypatia di Alessandria,matematica, astronoma e filosofa uccisa dai monaci cristiani ai tempi dell’avvento del cristianesimo.

Di quest’ultimo film, Agorà, se ne può vedere solo il trailer in spagnolo, visto che nessuna casa produttrice ha deciso di distribuirlo in lingua italiana.

Ogni volta in cui parlo di queste cose mi torna alla mente sempre un nobile pensiero di un personaggio del ‘700:

Disapprovo quello che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo.

Read Full Post »

All’orecchio di qualcuno sarà sicuramente giunta la notizia della censura del trailer del film Videocracy, prima dall’ente pubblico televisivo RAI e poi da quello commerciale Mediaset.

Ora, non so voi, ma l’ultima volta che ho sentito o visto qualcosa di eclatante riguardante la censura era durante il periodo fascista del… an no, è vero! C’era anche nel 2002!

Capita spesso, parlando di queste cose (la censura operata da enti statali e non), che qualcuno sbuffi dichiarando che non è poi una tragedia o dipingendo il fatto come una strumentalizzazione politica. Un po’ come dire ad un affamato che la sua non è fame, ma solamente una sua impressione dovuta alle cattive frequentazioni che fa in vita.

Fatto sta che: di qualsiasi fede tu ti voglia ricoprire, non puoi permettere che qualcuno possa impedirti di scegliere cosa tu possa o non possa guardare. Dovrebbe stare alla coscienza di ognuno decidere cosa si debba o meno sapere.

Per contrastare qualsiasi cosa contraria ad uno sviluppo “sano” del nostro sapere si ha il dovere di contestare e manifestare più o meno indirettamente il nostro dissenso.

Riportando l’esempio fatto da un’esponente della banca etica: si può benissimo (e qui seguitemi bene) dissentire mostrando consensi a favore dell’opera/idea censurata.

Censurando Videocracy, questo ha subito una mutazione. Infatti, ora, non è più un film, ma una leva che può essere utilizzata contro la censura. A prescindere i gusti sui vari tipi di film o sulle varie idee politiche, non dareste più un segnale ad un partito politico, ma all’intera classe politica ed anche a noi stessi, e cioè che non ci nascondiamo così facilmente al primo tuono.

In tutta Verona e provincia non c’era un cinema che trasmetteva la pellicola incriminata, e questo un po’ mi ha colpito. Per questo motivo, martedì scorso, ci siamo preparati e ce lo siamo andati a vedere nella città di Vicenza.

La sala era abbastanza vuota, al massimo ci saranno state una quindicina di persone. Dopo quasi un’ora e mezza di proiezione ci siamo fatti un giretto per il centro e degustati una frittella con Nutella.

Un piccolo gesto, qualche persona in più che muove la statistica degli incassi.

Basta davvero Apparire!..?

Read Full Post »

fool

Da pochi giorni i DNS di “the fool” sono diventati pubblici.. Impossibile non segnalare la notizia ed impossibile per me non consigliarvi d’usarli.
Noi sono già alcuni mesi che li usiamo e con molta soddisfazione, ormai ci siamo quasi dimenticati di cosa sia la pubblicità su internet. Adblock & FoolDNS sono un accoppiata vincente!
Ma cosa offrono questi DNS in più rispetto ai tradizionali DNS di mamma telecom? Ci offrono – o meglio – ci rendono la nostra privacy, privacy che molti siti web vogliono toglierci tracciando le nostre attività. Ci liberano dalla censura, censura già applicata molte volte in Italia.. Vedi esempio recente con ThePirateBay, e molti molti altri siti che vengono censurati.. Rende più veloce la navigazione web, non dovendo caricare pubblicità e banner vari le pagine si aprono più velocemente. Il servizio è ancora in fase beta però è sempre stato stabile, mai avuto disservizi gravi, recentemente è stata implementata una nuova lista di filtraggio che è molto serrata per cui più siamo a segnalare i siti da non bloccare e più velocemente il servizio sarà ottimizzato! FoolDNS offre anche un servizio commerciale e personalizzato per le aziende. Per ulteriori informazioni visitate il sito web di riferimento: http://fooldns.com/ nella pagina BETA trovate i DNS e le indicazioni per usarli.

Una volta Internet era informazione, cultura, scambio di opinioni ed intrattenimento.
Poi sono arrivate Pubblicità e Profilazione.

Read Full Post »

12 – 13 – 14 Settembre 2008 a Riva del Garda si terrà BlogFest 2008. Giornata da tenere in particolare considerazione per noi amanti del www e della nostra privacy è quella del 14 Settembre.

In questa giornata all’interno della BlogFest si terrà l’advcamp. Di cosa si tratta? sarà il primo BarCamp interamente dedicato all ‘advertising online. Come da tradizione dei BarCamp ci saranno vari talk, in questo caso tutti incentrati sull’argomento principale dell’advertising.

Di particolare importanza sarà l’ascolto del talk su foolDNS (The Fool, Come uccidere censura ed Advertising in 5 secondi ed un DNS), servizio di DNS per ora in fase Beta ma che si prefigge di essere un servizio DNS alternativo. Non solo ai vari DNS dei provider ma anche ad OpenDNS. Mira alla tutela della privacy dei propri utenti, togliendo gli adv che tracciano, senza il nostro consenso, le nostre connessioni ai vari siti che li implementano, raccogliendo nostri dati personali.

FoolDNS conserva gli indirizzi IP solo per 90 minuti o 1 mb di log. Dopo di che non resterà traccia dell’indirizzo che ha effettuato la richiesta.

Il nostro impegno è semplice: noi non divulgheremo, venderemo, licenzieremo o trasferiremo a nessun titolo ed a nessun soggetto esterno nessun tipo di informazione personale di alcun utente, ivi compresi esplicitamente gli indirizzi IP e le query effettuate dal singolo IP..

Ovviamente, come già succede con OpenDNS, utilizzando questi server DNS non si subirà la censura che in Italia viene posta su determinati siti, vedi il caso recente di thepiratebay.

Che dire, sarà una giornata veramente interessante alla quale non bisogna mancare, mi raccomando partecipate numerosi e se potete portate vostri talk da esporre a tutti. 🙂

Read Full Post »

Che dire, a quanto pare la censura avanza anche in Italia. Dopo aver censurato i siti di giochi d’azzardo e i siti di pedofilia – ad eccetto dei siti esca delle forze dell’ordine – sembra proprio che mamma Telecom abbia iniziato – sotto un’ ordinanza – ad oscurare il noto motore di ricerca per torrent “The Pirate Bay“. Staremo a vedere come si evolverà la cosa e nel frattempo OpenDNS o un ServerDNS alternativo potrebbero essere la soluzione al problema. Speriamo non ci censurino google, infine anche lui indicizza torrent, pedofilia, azzardo.. 🙂
Per ora non è uscita nessuna notizia ufficiale, e voi utenti telecom riuscite a connettervi alla baia? così vediamo se era una coincidenza o se è realmente così..


EDIT: Alcuni link importanti:

  1. http://labaia.org/blog/123
  2. http://labaia.org/

Provateli anche senza OpenDNS..

Fascist state censors Pirate Bay

We’re quite used to fascist countries not allowing freedom of speech. A lot of smaller nations that have dictators decide to block our site since we can help spread information that could be harmful to the dictators.

This time it’s Italy. They suffer from a really bad background as one of the IFPIs was formed in Italy during the fascist years and now they have a fascist leader in the country, Silvio Berlusconi. (Fonte)

Read Full Post »

Older Posts »