Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘cambio’

Notizia di ieri (quotidiano locale): Brentino Belluno è pronto alla secessione.

In poche parole il comune veneto ha avviato l’iter del referendum er passare alla regione Trentino…

…chissà come potrebbe andare questo referendum!

E’ un po’ come come voler fare un referendum in Veneto per diventare regione a statuto speciale (non c’è un iter da iniziare per questo?), o uno per la pace nel mondo, o, ancora, domandare a qualcuno se gli piacerebbe vincere al superenalotto…

Ma buongiorno Capitan Ovvio!

Read Full Post »

Giusto qualche sera fa sono stato informato, da alcuni conoscenti, di un piano tariffario mooolto vantaggioso della 3. Così uscendo con parte del team Amperini sono andato sull’argomento e il buon P3go83 mi ha fatto notare una clausola abbastanza insidiosa.

Il piano in questione è il 3Power10… che nome fantastico.
Ancora più fantastica è la promozione che permette di chiamare tutti a 10cent al minuto, han’tolto quell’odioso scatto alla risposta, e fa mandare sms a 10cent (tariffazione al secondo) senza costi aggiuntivi!

Beh, voglio saperne di più; vado sul sito e mi leggo i dettagli del piano telefonico:
10 cent
niente scatto..
..
..
bla bla bla,
Ecco cosa cercavo: le cose scritte in piccolo!

Per tutti i nuovi attivati con Piano Ricaricabile, oltre alle Condizioni Generali di Contratto in vigore, si applicano le seguenti ulteriori restrizioni:

..ci sono ci sono

– traffico (voce o SMS) mensile complessivo verso un singolo operatore, non 3, inferiore al 60% del traffico totale uscente

mmm, in tutta la rubrica ho solo una persona che ha 3, qui già non ci siamo

– il totale dei minuti di chiamate ricevute nel mese deve essere superiore al 10% dei minuti totali di chiamate effettuate nel mese;

si dai, qui ci sono..

– traffico (voce o SMS) mensile complessivo effettuato e/o ricevuto in roaming nazionale inferiore al 70% del traffico totale uscente.

😮

Il terzo punto mi sembra un rompicapo, dunque..mmm: concentriamoci!
è? Cos’è il roaming? Non so neppure come si pronuncia, forse ‘ròming’ dando un po’ l’impressione di farsi scappare la ò. Dopo estenuanti ricerche son riuscito a capire che si intende il traffico telefonico nazionale.

Dunque, proviamo a rigirare la frase ed a fare un piccolo esempio:
In un mese faccio, per ipotesi, 10h di chiamate; il 70% di 10 è 7, quindi io devo ricevere e/o fare NON più di 7h di chiamate nazionali.

Qui diventa tutto un casino allora, come faccio a fare 10 ore di chiamate se non posso fare un traffico (in e out) superiore a 7h?!?!?!?!?!

Semplice: si chiama all’estero.

Sfortunatamente, anche qui, non ho il numero di molte persone che stanno all’estero.

Non preoccupatevi se sembra tutto un po’ incasinato, non ne vale la pena, provate allora ad unire il secondo punto al terzo, qui si che c’è da divertirsi.

Tenendo l’esempio di prima; faccio 10h di chiamate al mese, devo riceverne il 10% in più di quelle che faccio, quindi devono arrivare un totale almeno di 11h di chiamate. Tenendo presente che non posso fare/ricevere chiamate dall’Italia per più di 7 ore, ne risulta che devo prendere un qualche dottorato in matematica visto che ci sono quattro incognite, tre equazioni e l’ora che comincia a farsi tarda.

Dulcis in fundo:

Qualora dai sistemi di rete 3 non risultasse soddisfatta anche una sola delle condizioni sopra indicate, previ a comunicazione al cliente, 3 si riserva la possibilità di applicare le condizioni economiche previste dal Piano Tariffario 3Autoricarica

Direi che tutte le premesse per farci durar poco questo piano tariffario sono state ben congegniate.

Per curiosità sono andato a vedere 3Autoricarica ed ho notato dei costi di traffico più in linea con il solito mercato 15cent al minuto + quell’odioso scatto alla risposta di 16cent e sms a 15cent.

Se proprio volessi passare “al magico numero” dovrei farmi direttamente 3Autoricarica, così eviterei di dover cercarmi nuovi numeri da mettere in rubrica a 1000km da me e soprattutto non dovrei mettermi a fare i conti del tipo di traffico che devo fare.

Grazie 3, ma sarà per la prossima 🙂

Read Full Post »

Il cambio in questione è il Rohloff Speedhub 500/14, ossia un mozzo con cambio integrato.
E’ un sistema che esiste già da diversi anni e che ha trovato, per ora, estimatori soprattutto fra gli utenti più “fun oriented” della mtb.
Questo dispositivo però ha dei vantaggi notevoli. Innanzitutto, non esistono più problemi di incrocio di catena, in quanto la trasmissione consta di una corona da 40 denti e un pignone da 16, di un unico manettino tipo twister shifter, di un mozzo specifico e di un tendicatena.
Lo speedhub ha 14 velocità effettive che possono essere selezionate anche senza girare i pedali e soprattutto in qualunque momento della pedalata, perché la variazione di velocità non va a stressare la catena. Questo è un aspetto cruciale per i cambi e i deragliatori classici.
Da notare inoltre che la variazione di sviluppo metrico fra una velocità e l’altra è sempre inferiore al 15% e ciò consente una pedalata sempre molto fluida, senza brusche variazioni di cadenza.
Da quanto dichiara la Rohloff, le 14 velocità di questo cambio consentono di gestire tutte le situazioni, in quanto la massima demoltiplicazione dello speedhub è paragonabile ad un 24:34 di cambio tradizionale. Inoltre, modificando il rapporto di trasmissione fra pignone e corona è possibile “cucirsi” su misura la propria rapportatura.
Ma quanto costa? Questo mozzo è proposto in tante varianti, ma il costo base si aggira attorno agli 850 euro. Il peso dell’insieme mozzo, comandi e cavi è intorno ai 2,2 chili, ma va ricordato che si fa a meno di pignoni, tripla corona, cambio, deragliatore e relativi comandi. Infine l’assorbimento di energia della pedalata: la Rohloff dichiara un aumento del 2% solo con alcuni rapporti rispetto al cambio tradizionale.

Mtb magazine, maggio 2009
ar064_Rohloff_Speedhub_internalar064_Rohloff_Speedhubspaceball1450515382_76b757b432_o>

Read Full Post »